Il social giusto

ilsocialgiustoQuando si decide di iniziare a proporre la propria attività sui social è opportuno chiedersi quale social sia il più adatto. Non esistono infatti solo Facebook e Istagram ma ci sono decine di social network che si focalizzano su attività e passioni diverse. È fondamentale quindi essere presenti lì dove è presente il nostro target: è inutile collezionare sul nostro sito decine di icone allineate se siamo effettivamente attivi solo su Facebook, come dall’altra parte è inutile aprire un profilo Vimeo se non abbiamo mai girato un video né abbiamo intenzione di farlo.

Ecco quindi una selezione fra i migliori social con le relative potenzialità.

Contenuti

Facebook:  descriverne brevemente le potenzialità è davvero impossibile ma basterà constatare che Facebook ci permette di condividere messaggi, foto e video con i suoi 1,23 milioni di iscritti. Attenzione però, ricordate di creare una pagina Facebook per il vostro brand e non un profilo se non volete rischiare di essere cancellati nel tempo di un click.

Twitter: le potenzialità di Twitter risiedono per la maggior parte in un carattere, hashtag #. Grazie ad esso si possono aggregare contenuti e creare discussioni su argomenti salienti. È il social più indiato per chi fa dei contenuti discorsivi il punto di forza come blog e giornali on line.

Google +: il social di Google non ha ancora riscosso molto successo in Italia. In altre parti del mondo invece è molto diffuso e frequentato.  È utile inoltre per spianare le strade sul maggior motore di ricerca attuale.

Foto

Flick: sebbene non nasca come un social network Flick è stato il primo a permettere la condivisione delle foto. Attualmente rimane la risorsa più importante per i fotografi e gli addetti ai lavori.

Pinterest: è la piattaforma ideale per chi vuole fare business con le immagini grazie alla loro condivisione. È indicato non solo per i fotografi ma anche per tutti quelli che usano le foto per comunicare al meglio: food e fashion blogger, ristoranti e alberghi, grafici, stilisti, designer, etc.

Istagram: è l’app ‘fotografica’ di Facebook. Pensata solamente per gli smarthphone è uno strumento più friendly che si limita a condividere le foto senza descrizioni e approfondimenti.  Potenzialmente ha lo stesso target di Pinterest ma è sicuramente meno professionale e si presta di più all’uso da parte del blogger.

Video

Youtube: come per Facebook è superfluo parlarne a lungo, basterà dire che ha più di 500 milioni di visitatori al giorno. Consigliato per tutte le categorie.

Vimeo: ha costruito la propria reputazione presentandosi come una piattaforma video professionale con funzionalità avanzate e un pubblico più impegnato. È indicato per chi vuole fare dei suoi video e della sua brand reputation il punto di forza.

Vine: app di casa Twitter sta prendendo piede con i suoi caratteristici video di 9 secondi. Dedicato a chi punta su brevi contenuti video.

Categoria:

JooMa utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.