fbpx

GOOGLE IMAGE ED IL BUSINESS ONLINE

Come le immagini possono contribuire alla crescita del business online

Google Immagini

Sappiamo tutti cos'è Google Image? Si lo sappiamo: è il motore di ricerca di immagini sul web fornito da Google. 

Dalla sua creazione nel 2001, noi tutti lo abbiamo utilizzato per un numero infinito di scopi ad esempio per il lavoro scolastico o universitario, per decidere se una destinazione fosse adatta alle nostre vacanze, ecc.

Ma lo sai che da allora Google Image si è fortemente evoluto ed oggi può essere uno strumento eccellente per la tua attività? 

Ebbene, qui nello studio JooMa abbiamo imparato a dare un forte valore a questo motore di ricerca e adesso vi descriviamo le principali motivazioni.

 

 

Nascita ed evoluzione di Google Image: un po’ di storia

Per quanto strano possa sembrare, Google Image è stato creato nel 2001, grazie a Jennifer Lopez.

Jennifer Lopez in Google Image con il vestito verde esotico

Durante una cerimonia di premiazione, la cantante indossò un abito Versace che diventò virale (prima ancora che il concetto esistesse). 

Le ricerche su Google aumentarono fino ad un livello precedentemente sconosciuto e poiché esistevano solo risultati testuali, molte persone incontrarono forti difficoltà nel trovare quello che stavano cercando, ovvero l'immagine di Jennifer Lopez in quel vestito verde esotico.

Pochi mesi dopo, fu lanciato Google Image: uno strumento di ricerca per contenuti visivi. 

Nel 2001, Google Image aveva già indicizzato 250 milioni di immagini e nel 2010 il numero salì a 10 miliardi. 

Nel 2011, Google Image introdusse, nel motore standard di ricerca per immagini, una funzione che consentiva la ricerca inversa direttamente nella barra principale trascinando un file immagine direttamente sulla barra di ricerca.

Cerca immagini di Google

Questo popolare strumento si è evoluto nel corso degli anni, aggiungendo piccoli miglioramenti che hanno rappresentato un enorme cambiamento nel modo in cui cerchiamo le informazioni.

Sono stati creati filtri di ricerca per restringere il più possibile i risultati (dimensione dell'immagine, colore o bianco e nero, data di pubblicazione, tipo di file e persino i diritti d'autore per l’utilizzo dell'immagine). 

Nel 2009 è stata implementata la "Ricerca di immagini simili".

Nel 2012, l'algoritmo del motore di ricerca di Google Image è stato aggiornato per impedire la visualizzazione di immagini pornografiche quando venivano utilizzati termini di ricerca non pornografici.

Google Image: istruzioni per l’uso

Google Image è, in pratica, uno strumento per cercare contenuti da un file immagine “nativo”, senza digitare alcun testo: devi semplicemente aggiungere un'immagine o il suo indirizzo URL al motore di ricerca. 

Gli algoritmi di Google la analizzeranno e la confronteranno con i miliardi di immagini indicizzate nel proprio database e, come risultato, otterrai un gran numero di file uguali o simili con i metadati corrispondenti. 

Come tutti sappiamo, Google si evolve ed aggiunge continuamente nuove funzionalità ai suoi algoritmi di ricerca.

Consiglio degli esperti dello Studio JooMa: non tralasciare di documentarti per i futuri aggiornamenti di questo motore di ricerca.

Per eseguire una ricerca su Google tramite immagine o ricerca inversa è necessario seguire i semplici passaggi che ti elenchiamo di seguito.

Schermata Google Image

Nel motore di ricerca in cui, in genere, inseriresti la parola chiave, vedrai tre icone: una lente di ingrandimento, un microfono per la ricerca vocale e una fotocamera per la ricerca di immagini. 

Ovvio che bisogna fare clic sull’icona della fotocamera. 

Scegli una delle due opzioni: copia e incolla l'URL dell'immagine che ti interessa o carica un file dal tuo computer.

Ancora più semplice, c'è l'opzione per trascinare un file immagine direttamente nella barra di ricerca, quando lo rilasci, lo strumento inizierà la selezione di ricerca e mostrerà tutti i risultati per l'immagine analizzata.

La ricerca tramite immagini di Google può essere molto utile nella vita quotidiana, ad esempio quando si identifica un'opera d'arte, un personaggio pubblico, un paesaggio o una pianta. 

Ma lo sapevi che la ricerca per immagini di Google può essere utile anche per la tua attività lavorativa?
Come può la ricerca di immagini aiutare la tua azienda?

Se ancora non riesci a immaginare perché Google Image possa essere essenziale per la crescita della tua attività, pensa a questo: quanti risultati compaiono quando esegui una ricerca di testo e quanti nella ricerca di immagini? 

La tua pagina avrà maggiori possibilità di apparire nelle prime posizioni dei risultati nella versione di Google Image. Se stai pensando di attirare più traffico organico sul tuo sito, questo strumento è un must nella tua strategia di Digital Marketing

SEO e autorevolezza della tua pagina

Se il tuo obiettivo è portare l'utente attraverso le immagini di Google sulla tua pagina, è fondamentale considerare l'ottimizzazione per i motori di ricerca delle immagini contenute nel sito. 

Sicuramente i tuoi sforzi sono mirati a rendere i contenuti del tuo sito web più attraenti, accompagnandoli con fotografie, infografiche, illustrazioni. 

Ora la domanda è: il tuo contenuto visivo è ottimizzato per il SEO? 

Bene, aggiungi autority alla tua pagina seguendo questi suggerimenti:

  • Tag “Title” coerente 

Dal 2018, Google mostra il tag “title” nelle ricerche di immagini per fornire contesto ai suoi risultati e aiutare a convertire i clic.

  • Meta tag di ricerca specifico

Crea un buon meta tag ed un indirizzo URL coerente per l'immagine perché Google fa affidamento su questo parametro e sul nome del file per le analisi del proprio algoritmo. 

Consiglio dagli esperti dello studio JooMa: rinomina il file immagine dandogli un nome con la parola chiave di tuo interesse.

Utilizza il testo descrittivo alternativo (attributo ALT) per migliorare l'accessibilità e la comprensione alle persone con disabilità visiva ed anche per dare a Google una spinta finale nel suo processo di riconoscimento.

Assicurati che le immagini siano il più intellegibili possibile, ma non scendere a compromessi sulla qualità. Idealmente, dovrebbero essere inferiori a 100 kb (guarda anche il post “La gestione delle immagini sul web”. 

Se metterai in pratica questi suggerimenti, tra le altre cose, potrai notare la crescita dell'autority per tua pagina e le tue immagini inizieranno a posizionarsi molto meglio. 

Ottieni backlink con la ricerca di immagini di Google

Se il contenuto del tuo sito è stato indicizzato in Google Image, la ricerca inversa è uno strumento ideale per trovare pagine che potrebbero utilizzare le tue fotografie, illustrazioni o computer grafica senza menzionarti.

Devi solo eseguire una ricerca di immagini con il tuo file originale e vedrai tutti i siti Web che utilizzano quella specifica immagine. 

Noti qualche pagina autorevole che non ti menziona come autore? Forse non menzionano la fonte, forse ti menzionano senza aggiungere un link alla tua pagina, o forse collegano anche a una pagina intermedia.

Alla fine, non importa quale sia il motivo. Se non hanno creato un collegamento alla tua pagina, potresti perdere una buona fonte di traffico organico verso tuo sito. 

Contatta quel sito e chiedi loro di aggiungere un backlink che ti menziona come proprietario dell'immagine! 


A questo punto è chiaro che dovresti sicuramente concentrarti anche sulla gestione corretta delle immagini, affinché possano risultare maggiormente appetibili ai motori di ricerca.

Se, comunque, hai ancora dubbi o vuoi avere maggiori delucidazioni a riguardo, i professionisti dello Studio JooMa sono a tua disposizione anche per un’analisi dettagliata sull’indicizzazione e sulla gestione delle immagini presenti nella tua piattaforma web. 

Contattali con fiducia… non pungono!

Categoria:

JooMa utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.