fbpx

Google & i Siti Web Aziendali

Storie di algoritmi e penalizzazioni

Reverse EngineeringGoogle è noto per cambiare costantemente gli algoritmi che influenzano il posizionamento dei siti Web nei motori di ricerca e, nel lavoro quotidiano dello Studio JooMa, verifichiamo costantemente che, parafrasando Lorenzo de Medici… “del doman non v’è certezza”. 

Quando i siti Web aziendali pensano di aver raggiunto una posizione sicura in SERP (Search Engine Results Page), il terreno torna a franare sotto i piedi, costringendoli nell’inventare di tutto e di più per cercare di rinnovare le loro strategie di marketing online.

Sebbene nel marketing digitale esistano valide regole operative di vecchia data, molti possessori di siti Web aziendali si chiedono se Google "penalizzi" determinati domini per aver infranto le regole. 

In questo post cercheremo di analizzare questa problematica in base all’esperenza da noi maturata nello Studio JooMa e vedremo insieme quali sono le possibili soluzioni “generali”.

Cronologia degli aggiornamenti degli algoritmi di Google

Nel corso degli anni sono stati apportati numerosi aggiornamenti all'algoritmo dei motori di ricerca di Google ed è prassi comune pensare che i siti Web, soprattutto quelli aziendali, aderiscano alle sue linee guida. 

Uno degli aggiornamenti di Google più noto è stato Panda, con il quale i siti Web che producevano grandi contenuti di bassa qualità sono letteralmente precipitati nelle classifiche dei motori di ricerca. 

L'aggiornamento Panda ha fatto crollare molte aziende, tra cui siti Web basati su articoli che acquisivano sostanziose entrate economiche tramite pubblicità digitali. 

Un ulteriore cambiamento dell'algoritmo che ha sconvolto il mondo è stato l'aggiornamento Penguin, implementato per annullare strategie di link building manipolative che consentivano ad alcuni siti Web di ottenere i primi posti per specifiche parole chiave mirate.

Dopo questi drastici aggiornamenti, c'è una cosa che gli esperti di marketing e gli imprenditori hanno acquisito: quando si parla di Google, si parla di cambiamento in continua evoluzione.

La domanda: Google penalizza i siti Web aziendali?

In teoria il principio di penalizzazione del posizionamento su Google è semplice: qualsiasi strategia che tenti di manipolare il sistema di classificazione attraverso l'uso di "scorciatoie" finirà per subire un duro colpo dagli aggiornamenti costanti dell'algoritmo. 

Ogni giorno, Google fa del suo meglio per eliminare i siti Web che tentano di mettere in campo pratiche ingannevoli e contestualmente cerca di garantire che i migliori contenuti appaiano in cima alle classifiche di ricerca.

Quindi, per rispondere alla domanda se Google penalizza i siti web o meno, la semplice risposta è sì. Google penalizza i siti web aziendali che non aderiscono alle sue linee guida SEO riguardanti:

  • Creazione di contenuti di qualità di lunga durata.
  • Strategie di creazione di 
    • collegamenti tramite link inbound/outbound (collegamenti in entrata/uscita),
    • pubblicazione di post ospiti e collaborazione con altri siti Web di qualità e con buona “autority”.
  • Ottimizzazione delle parole chiave appropriata.
  • Velocità del sito web, ottimizzazione mobile e interfaccia facilmente utilizzabile.

Tutto ciò che è l'opposto delle linee guida di base sopra menzionate porterà il rischio di classificarsi ben più in basso nei risultati dei motori di ricerca di Google.

Con questo in mente, quali sono eventuali altre situazioni in cui i siti web aziendali possono essere rimossi o bloccati in Google?

Siti web con contenuti per adulti, violenza o uso di stupefacenti

Secondo la strategia attuata per una maggiore protezione dei propri utenti, qualsiasi sito web che tratti temi per adulti, violenza o uso di stupefacenti potrebbe non essere facilmente trovato su Google. 

Benché, con probabilità potrai vederli durante la ricerca volontaria, questi siti Web non possono essere trovati utilizzando i suggerimenti di parole chiave.

Ad esempio, una semplice ricerca di "dove acquistare cocaina" o "dove acquistare eroina" non produce alcun suggerimento di parole chiave, ciò implica che Google non supporta siti di informazioni che inducono le persone ad usare sostanze stupefacenti. Non sono inoltre disponibili suggerimenti di parole chiave per temi per adulti e violenti come pornografia, siti Web di odio/discriminazione e materiali illegali.

Ciò significa che attività come i centri di riabilitazione per alcolisti e tossicodipendenti nonché altri siti Web correlati all'assistenza sono interessati dalle rigide regole di Google? 

Per fortuna, questi siti Web sono supportati da Google; una ricerca di qualsiasi sito di organizzazioni che tenti di risolvere problemi su questi problemi sociali comuni, produce suggerimenti di parole chiave che possono aiutare chiunque nel bisogno.

Siti web con più pagine 404 (pagine non trovate) o che cambiano nomi di dominio

Ci sono possessori di siti Web aziendali che non riescono a controllare costantemente lo stato di alcune delle loro pagine web. 

Google ha un bot crawler che controlla costantemente se il contenuto del tuo sito web è pertinente ai termini del motore di ricerca; anche in presenza di contenuti spettacolari e di lunga durata, il tuo sito Web aziendale potrebbe essere "penalizzato" se hai molteplici pagine che restituiscono il codice d’errore 404.

In alternativa, alcuni possessori di siti Web soffrono anche del “rimpianto del nome di dominio”, ovvero, dopo aver ampliato la propria attività, si rendono conto che il nome del loro dominio non corrisponde al loro brand o al pubblico che stanno cercando di raggiungere, pertanto, una soluzione difficile ma permanente potrebbe essere quella di cambiare il nome del dominio. 

A questo punto Google deve reindicizzare tutto sui nuovi indirizzi di dominio e di conseguenza, potrebbe essere necessario del tempo prima di classificare le parole chiave scelte come target in precedenza. 

Non è, quindi, consigliabile modificare i nomi di dominio a meno che non si tratti di una situazione eccezionale, ed in questo caso è obbligatorio impiegare risorse tecniche che, con gli appositi tool incanalino i motori di ricerca dai vecchi indirizzi  i nuovi presenti sul nuovo dominio.

Mancanza di presenza sui Social Media

Google non "penalizza" letteralmente i siti Web con una bassa presenza sui Social Media, ma favorisce quelli che interagiscono con il loro pubblico su varie piattaforme. 

Secondo lo stratega SEO Neil Patel, i siti Web aziendali dove vengono investiti tempo e risorse per essere presenti sui social media, hanno maggiori probabilità di meglio posizionarsi sui motori di ricerca. 

La soluzione semplice si chiama Reverse Engineering

Se Google cambia costantemente le regole del gioco, quale può essere la soluzione permanente per i possessori di siti Web aziendali che aspirano a classificarsi in buone posizioni a lungo termine?

Un ottimo principio da ricordare è la tecnica del Reverse Engineering applicato a siti Web già ben posizionati in SERP. 

Le startup e le altre aziende che desiderano ottimizzare la loro posizione in SERP, possono semplicemente analizzare gli altri siti Web con un ranking elevato ovvero verificare come:

  • creano i loro contenuti;
  • progettano le loro pagine;
  • sono presenti e gestiscono i social media;
  • usano le loro keyword;
  • implementano altri fattori che possono favorire i risultati di ricerca di Google.

Attraverso il Reverse Engineering, i siti Web delle piccole imprese possono “imparare dai giganti" e, si spera, acquisire slancio nel raggiungimento dei loro obiettivi nella SEO.

Utilizzando questa semplice strategia, i professionisti del marketing e gli imprenditori possono ottenere informazioni su cosa fare per essere finalmente tra i primi 10 risultati dei motori di ricerca di Google. 

Adattandoti ai continui cambiamenti di Google e imparando dagli altri, non solo puoi evitare di essere penalizzato dagli aggiornamenti degli algoritmi, ma, di contro, puoi anche salire in cima alla SERP.

Bene, riepilogando, hai le idee chiare? Sei pronto per le tue “scalate in cima alle classifiche”? Hai bisogno di aiuto, di maggiori informazioni? Non ti senti pronto e vuoi la consulenza di professionisti che lavorano giornalmente su queste tematiche? 
La soluzione è una sola: contatta lo Studio JooMa, troverai esperti specializzati nel supportare la crescita della tua azienda nel digitale, essi sono a tua completa disposizione e… non pungono!
Categoria:

JooMa utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.